Archivio del Nastro Azzurro

La DIREZIONE GENERALE PER I BENI ARICHISTICI, PAESAGGISTICI ECC. HA EMESSO UN DECRETO CHE ELEVA L'ARCHIVIO DELL'ISTITUTO  A BENE CULTURALE. RIPORTIAMO LA RELATIVA DECRETAZIONE

 

RITENUTO che l'Archivio dell'Istituto Nastro Azzurro fra i combattenti decorati al Valor Militare (istituito il 26 marzo 1923 ed eretto in Ente Morale con R.D. 1308 del 31.5.1928),

 consistente complessivamente in 26 registri di verbali delle adunanze del Direttorio nazionale dal 1928;

 ca.30 fascicoli di vertenze e sentenze della Corte suprema d'onore; documentazione e raccolta completa della rivista "Il Nastro Azzurro" (ca 14 fascicoli di documenti preparatori, fotografie, dattiloscritti);

 rassegna stampa soprattutto per gli anni '60-'70 del '900; documentazione relativa ai congressi e all'amministrazione (ca. 140 faldoni e numerosi fascicoli sparsi); 20 registri di protocollo;

 30 registri amministrativi; 15 registri degli iscritti all'Istituto; 4 registri "titolari assegni per medaglia al valor militare;

 ca 10 buste postali di grandi dimensioni (anni 2000) di moduli inviati dalle federazioni per le medaglie al valor militare; corrispondenza e carte relative all'erogazione di premi; schedario di tutti i soci (15 cassetti);

corrispondenza con le Federazioni provinciali (ca. 119 faldoni);

opuscoli;

fotografie storiche delle riunioni del Nastro Azzurro (1 album e altre 3 scatole di fotografie diverse); materiali preparatori per la pubblicazione dell'albo d'oro (ca 14 faldoni);

 schede delle motivazioni di attribuzioni di medaglie della Federazione di Modena (1 scatola);

archivio della Federazione romana del Nastro Azzurro consistente in: schede dei soci (1 cassettiera),

 ca. 50 faldoni di corrispondenza, materiali preparatori per l'organizzazione di conferenze e viaggi e contabilità:

 archivio informatizzato dei dati relativi a tutte le decorazioni al Valor Militare concesse dal 1834, ricco di 600.000 schede;

 riveste importante interesse storico (ai sensi dell'art. 10 comma 3 lett. b) del Codice per i Beni Culturali ed il Paesaggio del 22 gennaio 2004, n. 42 sopracitato per i motivi contenuti nella comunicazione dell'avvio del procedimento di interesse storico della Soprintendenza Archivistica per il Lazio.

                                                                Decreta

 che l'Archivio dell'Istituto Nastro Azzurro individuato e descritto nelle premesse (ai sensi dell'art. 10, comma 3 lett. b) del D.Lgs. 22.01.2004, n. 42 e, come tale è sottoposto a tutte le disposizioni di tutela contenute nel citato D.L.vo.

 Il presente decreto verrà notificato, in via amministrativa, a cura della competente Soprintendenza Archivistica per il Lazio ai destinatari individuati nella relate di notifica e avrà valore nei confronti dei successivi proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo.

 Avverso il presente decreto è ammessa proposizione di ricorso amministrativo al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per motivi di legittimità e di merito, entro 30 giorni dalla notifica della presente dichiarazione, ai sensi dell'art. 16 del D.Lgs. n. 42/2004 e giurisdizionale avanti il T.A.R. competente, secondo le modalità di cui alla L. 6.12.1971 n. 1034, entro 30 e 60 giorni dalla data di notifica, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato ai sensi del D.P.R. 24 novembre 1971,  n. 1199.

ROMA, 30/09/2010